Domenica 25 Aprile 2019

( TORRE 1 – PRATA_FALCHI 0 )

Dopo tre giorni di intense piogge la mattinata del 25 Aprile ci regala una tregua e un sole a sprazzi che riscalda l’aria e pone le condizioni ideali per un incontro di grande calcio. Il rettangolo di gioco è in buone condizioni ammorbidito al punto giusto, ma con l’erba leggermente alta che comunque non disturba più di tanto le giocate dei protagonisti in campo.

Mister Springolo ha a disposizione l’intera rosa tranne Barbisin ancora out. Il condottiero Viola nel suo discorso pre-partita ricorda l’importanza della squadra e di quanto fondamentale sia l’apporto di tutti i convocati spiegandolo con una metafora come nel gioco del basket sia riconosciuto un premio speciale il “NBA Sixth Man of the Year Award” al miglior giocatore che diventa determinante partendo dalla panchina.

Il Match Torre VS Prata-Falchi non è mai solo una partita, ma un derby tra amici ex giocatori dell’una e dell’altra squadra e anche legami parentali, quindi le compagini ci tengono particolarmente a dare il meglio in campo.
I Falchi con l’arrivo di Mister Giust vantano ben 5 vittorie nelle ultime 6 gare e cercano conferme e punti per salire in posizioni più onorevoli, mentre i Viola vogliono i 3 punti per mantenere il primato prima di incontrare nel prossimo turno la Sangiorgina.

I primi 15 minuti di gioco vedono protagonisti i Biancorossi che in un paio di occasioni con Camerin e Lorio non centrano il bersaglio sprecando a lato due buone occasioni tanto che Mister Springolo corre subito ai ripari aggiustando l’assetto tattico tanto che il Torre prende subito le misure e comincia a guadagnare metri. Al 20° primo acuto di Dal Negro, incursione per vie centrali prendendo il tempo al difensore e di sinistro incrocia ma il tiro finisce fuori di poco. Segue al 23° Pizzioli che dalla lunga distanza impegna Manente che si salva in angolo come pure al 26° su incursione di Hasolli partito dalla sinistra salta il diretto avversario e cerca con un tiro il secondo palo ma nuovamente il portiere Manente nega la gioia del gol con una prodezza mandando la palla ancora in calcio d’angolo. Ancora Pizzioli e Dal Negro oggi particolarmente ispirati mettono sui piedi di Hasolli e Gilbert delle buone palle, alcune delle quali si perdono a lato di poco ed altre chiamano ancora a difficili interventi il portiere ospite oggi in gran spolvero.
Due i minuti di recupero concessi dall’arbitro ed il primo tempo finisce a reti inviolate.

Secondo tempo e primo cambio di Mister Springolo con l’ingresso di Pivetta per Dal Negro che cambia nuovamente l’assetto tattico in campo tanto che per buona parte della gara il Torre continua la propria supremazia con la palla che staziona quasi sempre nella metà campo avversaria concedendo sterili ripartenze agli avversari ben controllati dai 4 “gladiatori” Di Rosa, Banda, Toppan e D’incecco che tengono bene il campo e proteggono Furios da possibili pericoli.

I Falchi perdono un pò di lucidità e il Torre cresce ancora, al 15° incursione in area di Toppan che si porta solo davanti al portiere ma perde il momento giusto per calciare da buona posizione e viene recuperato da un difensore. Al 20° gol annullato a Pivetta per fuorigioco su parata del portiere dopo il tiro di Hasolli. Nuova ripartenza dei Falchi al 27° dopo una indecisione dei centrali difensivi che lascia la palla buona a Camerin che trova però sulla sua strada una grande parata in due tempi di Furios. Capovolgimento di fronte palla buona per Leoni subentrato a Gilbert da pochi minuti e nuovamente miracolo del portiere ospite che respinge ed è ancora il Torre a mettere alle corde i Biancorossi in un finale in crescendo.

Le squadre stanche si sono allungate e fioccano le occasioni tanto che al 35° su rinvio del portiere recupero di palla da parte di Pivetta che serve dalla parte opposta il libero Crapa appena entrato al posto di Hasolli il quale chiude in diagonale e sulla respinta del portiere si avventa Leoni che scarica in porta il gol della vittoria e da i meritati 3 punti ai Viola che conservano il primato in classifica.

Buona la partita del Torre che ha trovato sulla sua strada un avversario motivato, molti gli errori sotto porta per entrambi le formazioni soprattutto per i Viola che hanno sprecato almeno altre 5-6 palle gol prima del meritato vantaggio.
Il presagio di Mister Springolo con riferimento al “NBA Sixth Man of the Year Award” è stato profetico, in quanto la vittoria è arrivata proprio dalla panchina e dalla forza del gruppo.

La prossima domenica si preannuncia una gara decisiva per il primato contro la Sangiorgina che insegue il Torre.
A fine partita non è mancato il momento di festeggiare tutti assieme come da tradizione per la giornata di “San Marco” con la classica pastasciuttata.


Arrivederci alla prossima partita!!!
Forza Torre Forza Ragazzi…. LET’S GO PURPLE!!!

I often find with my students that they miss so much in literature because they do not have a true grasp of https://writemyessay4me.org/ vocabulary