BATTUTA D'ARRESTO PER I VIOLA DI MISTER BOZ

CAMPIONATO REGIONALE ELITE UNDER 15

Domenica 01 Dicembre 2019 decima di andata

TORRE 0 – FONTANAFREDDA 1 

 

Dopo due belle vittorie contro Donatello e Sanvitese il Torre perde di misura il derby con il Fontanafredda, scendendo al quinto posto in classifica. Nulla di compromesso e rimediabile già nella prossima gara in trasferta a Trieste.

 

….. era nell’aria perché l’ultima prestazione non aveva convinto appieno, …. era nell’aria perché dopo cinque vittorie nelle ultime sei partite ci sta di rifiatare, …. era nell’aria semplicemente perché era una giornata uggiosa, di quelle che cadendo di domenica avresti voglia di guardare dalla finestra gustandoti il tepore di casa.

Alla decima di campionato, penultima del girone di andata, oltre al recupero della giornata rinviata per pioggia, i giovanissimi èlite incappano nella terza sconfitta, seconda tra le mura amiche, per mano di un meritevole Fontanafredda.

 

Le spiegazioni tecniche, tattiche, di condizione fisica, sicuramente tutte valide, e che le persone del mestiere saprebbero giustamente proporzionare dando una completa giustificazione alla sconfitta, per una volta ci piace tenerle fuori dai nostri commenti, pensando che tutto è capitato semplicemente perché doveva capitare. Un incidente di percorso è solo un rallentamento nel tuo cammino, una battaglia persa non sempre ha portato a perdere la guerra, una qualificazione per miglior differenza reti non sempre ti porta ad essere eliminato, …. anzi, per chi ricorda come finì il campionato del mondo nel 1982 , alla fine ti può portare ad alzare la coppa.

Vincere aiuta a vincere, se vogliamo procedere con le frasi più spese nel mondo dello sport, ma, ….. se vinci sempre forse non conoscerai mai i tuoi limiti, …… forse non saprai mai cosa vuol dire lasciarsi sfilare da tutto il gruppo perché ti cade la catena  della bici, per poi assaporare il gusto della rimonta, guardando in faccia tutti i tuoi avversari, e arrivare per primo al traguardo a braccia alzate (Pantani-Oropa-Giro d’Italia 1999) .

Ecco dunque che noi tutti che giriamo intorno a questi ragazzi, … noi genitori, primi tifosi inevitabilmente parziali, noi accompagnatori che vorremmo tirare indietro le lancette dell’orologio e scendere in campo affianco ai ragazzi per dare loro tutti i consigli possibili, noi allenatori che vorremmo atleti muscolosi, veloci, tecnici e intelligenti, noi società sportiva che se possibile non vorremmo perdere con questa o quest’altra società perché in passato …., ecco noi tutti dovremmo solo abbassare i toni.

Dovremmo essere quell’unica cosa che i ragazzi si aspettano dopo la sconfitta, …. una mano tesa che loro sanno non gli verrà mai negata, il braccio cui aggrapparsi per ripartire con slancio.

Ecco ci piace pensare che i ragazzi domenica abbiano metaforicamente percepito questo braccio quando tutta la squadra si è ritrovata a pranzare assieme dopo la partita, lasciando “fuori” malinconie, incazzature, … e quell’aria umida di fine novembre.

Per gli amanti della cronaca, che hanno avuto la pazienza di arrivare a leggere fino a qui, possiamo dire che dopo un primo tempo di marca rossonera, il Fontanafredda all’11° del secondo tempo concretizza gli sforzi andando in rete con il suo centravanti, per poi cercare il raddoppio che non è mai arrivato. Dal canto suo il Torre, dopo un primo tempo impalpabile, ha dato segni di risveglio nel secondo tempo, andando a colpire una traversa con Guiotto e sfiorando il pareggio con un colpo di testa e palla diretta all’incrocio, tolta con bravura dal portiere Canton (ex del Torre). Infine una nota positiva che ci piace sottolineare: l’esordio in campionato per qualche minuto della nostra Pulce, fermo ai box da inizio stagione per problemi fisici.

 

Una settimana per ricare le pile e riprendere il cammino comunque fin qui ricco di soddisfazione, cercando di rendere indigesta ai triestini la domenica dell’immacolata, quando il Torre affronterà il Trieste Calcio.

 

 

Forza ragazzi, ….. noi siamo con voi!!!!